Notizie da S.M. Leuca

A caccia di oro nero: quel sistema "air gun" che fa già tremare il Capo di Leuca

Con l’avvio dell’istruttoria da parte del Ministero dell’ambiente sembra materializzarsi il rischio di trivellazioni petrolifere a 13,9 miglia nautiche. La società che ha presentato da tempo l’istanza è la GlobalMed Llc, con sede nel Colorado. La scorsa settimana un'interrogazione di Dario Stefàno

SANTA MARIA DI LEUCA – Con l’avvio dell’istruttoria da parte del Ministero dell’ambiente, sembra materializzarsi il rischio di trivellazioni petrolifere al largo di un Salento dove già in molti vedono di cattivo occhio il gasdotto della Tap. Solo che questa volta non ci sono approdi specifici, ma un’area a 13,9 miglia nautiche dalla costa del Capo di Leuca (cioè a 25 chilometri e 743 metri).

Laddove transitano già i disperati del mare, i migranti in cerca di approdi sulla terraferma, potrebbero dunque collocarsi infrastrutture per la ricerca del prezioso oro nero, che però fanno già temere conseguenze per i delicati equilibri ambientali.

La società che ha presentato già da tempo l’istanza è la GlobalMed Llc, con sede a Littleton, in Colorado. Una hoding riconducibile al colosso statunitense Global Group e che a volta sarebbe collegato alla britannica Bhp Billiton, la principale società mineraria al mondo.   

Della vicende s’è discusso molto, nei mesi scorsi, su diverse testate nazionali. Nel Salento se ne parla relativamente di recente. Al momento, un’interrogazione è stata presentata la scorsa settimana dal senatore salentino di Sel, Dario Stefàno, che sulle ricerche di idrocarburi in mare teme “un enorme pericolo per l’ecosistema marino” derivante soprattutto dalla "tecnologia dell’air gun”, cioè energia sismica per acquisire dati rilasciando aria fortemente compressa.  

“Si riveda lo Sblocca Italia, applicando il principio di precauzione”, aveva dunque ammonito il senatore in un’interrogazione ai ministri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico, proprio in seguito alle richieste di permesso di ricerca idrocarburi offshore nel mar Ionio (ben sei) presentate dalla società che, oltre alla Puglia meridionale, riguardano anche la Calabria e la Basilicata (quest’ultima, come ben noto, regione dove storicamente in Italia già si estrae il petrolio). Le richieste di ricerca di idrocarburi per il mar Jonio diventano così in totale sedici , sommandosi alle quattro concessioni già attribuite lungo la costa calabrese.

“Le ricerche che intende svolgere la Global Med – aveva spiegato Stefàno -  saranno effettuate mediante la tecnica dell’air gun, un meccanismo che produce onde sismiche e che la comunità scientifica ritiene dannoso per la fauna marina. Il ministro dell’Ambiente condivide questa preoccupazione?”.

“Il decreto legge Sblocca Italia – aveva sottolineato -  oltre a promuovere la creazione di grandi infrastrutture per permettere il transito e l’accumulo di gas proveniente dall’estero, facilita e incoraggia le attività di estrazione  di petrolio e gas, attribuendovi un carattere strategico e semplificando gli iter autorizzativi, a partire dalla sottrazione di potere alle Regioni e disponendo il prolungamento dei tempi delle concessioni”.

“Ma – aveva commentato - secondo la Bp Statistical Review le riserve di combustibili fossili sfruttabili nel nostro Paese si attestano attorno ai 290 Mtep: poiché il consumo di energia primaria annuale dell'Italia è stimato in circa 159 Mtep, queste supposte riserve corrispondono al consumo di meno di due anni. Quindi si sceglie di mettere a repentaglio un intero ecosistema, aree di pregio naturalistico e paesaggistico e le annesse attività economiche legate alla pesca e al turismo, per una riserva di due anni?”

“La Puglia – aveva concluso Stefàno nella sua interrogazione – ha fortemente investito nella pesca e nel turismo entrambi fondamentali per l'intera economia regionale. Per noi la tutela della qualità del mare, della costa e dell'ambiente, sono incompatibili con la prospettiva di qualunque tipo di attività estrattiva, che potrebbe avere conseguenze catastrofiche a livello ambientale, economico e sociale. In Puglia abbiamo ribadito il no alle trivelle nell’Adriatico, ora da Roma giunga un no forte, anche all’air gun”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Ora questi americani hanno cominciato a stancare,e noi poveri italioti che non abbiamo più neanche la forza di ostacolare il deterioramento e lo sfruttamento del nostro territorio,al nostro salento e rimasta la natura e il mare, una volta che ci hanno rubato pure questo e la fine,maledetti loro il petrolio e i loro loschi profitti e di chi glielo permette, e l'incapacità cronica dei nostri mediocri amministratori.

  • ancora..qui bisogna tutelare il nostro territorio è il nostro mare che sono la nostra ricchezza altrto che trivelle.

  • Questa tecnica di sondaggio del sottosuolo sembra che non faccia tanto bene alla fauna marina. Infatti, si sospetta che possa provocare danni agli organi sensoriali dei pesci e dei mammiferi marini; si pensa anche che molti spiaggiamenti di cetacei avvenuti negli ultimi anni siano dovuti alla perdita di orientamento causata da queste onde sismiche. Questa tecnologia di sondaggio non mi convince affatto...

  • pazzia pura !

  • ma possibile che devono venire delle altre nazioni per prelevare l'oro nero ma i nostri grandi imprenditori dormono eppure sono risorse da capogiro potremmo sfruttarle noi Italiani

  • Ma, in fin dei conti, com'è la situazione di produzione energetica nel Salento e intorno al Salento? Parlo di produzione ecosostenibile. Non si capisce niente, anche se -sembra - ci sia un surplus di disponibilità. E, allora, qual è il motivo di stimolare queste richieste, ritardando prese di posizione precise e inderogabili a livello normativo? E' evidente che uno possa pensare in modo spiccio a due considerazioni: o ci sono interessi di portafoglio o c'è incapacità di gestione. Siamo sempre a livelli d'eccellenza!

  • Quiddhu ne manca e poi stamu appostu

  • qua no se ne potene fare trivellazzioni, facitivele in america

Notizie di oggi

  • Politica

    Congedo: "Filobus ed estimi, due errori del centrodestra. Salvemini? Senza coraggio"

  • Politica

    Fiorella: "Liberare il centro storico per pedoni e bici. Sgm va riprogettata"

  • Cronaca

    Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Cronaca

    Prete accusato di aver molestato una 13enne: caso chiuso

I più letti della settimana

  • Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Esalta il fisico con gli abiti giusti

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

  • Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

Torna su
LeccePrima è in caricamento