Notizie da S.M. Leuca

“Dacci mille euro” e lo sequestrano in casa: arrestati madre e figlio

In carcere con l’accusa di aver estorto denaro a un anziano sono finiti Antonia Sparascio e suo figlio Andrea, di Montesano Salentino. Le vessazioni a partire dallo scorso dicembre

MONTESANO SALENTINO - Gli avrebbero chiesto in prestito piccole somme di denaro (20, 50, 250 euro), poi approfittando della sua disponibilità, le richieste sarebbero diventate sempre più onerose e arricchite di minacce e violenza, al punto da privarlo della libertà. Così la presunta vittima, terrorizzata, si è rivolta alle forze dell’ordine, e alla fine la libertà l’hanno persa Antonia Sparascio, 64 anni, di Montesano Salentino, e suo figlio Andrea Giangreco, 32 anni.

Stando all’accusa, che ieri pomeriggio ha mandato la coppia dritta in carcere per estorsione, le maniere usate per “spillare” denaro a un anziano del posto sarebbero diventate nel tempo sempre più aggressive. In una circostanza, lo scorso gennaio, con l’inganno di restituirgli il denaro (consegnato a partire da dicembre), l’avrebbero invitato nella loro abitazione.

GIANGRECO ANDREA..-3SPARASCIO ANTONIA..-3Ma l’incontro sarebbe stato tutt’altro che pacifico: l’anziano ha raccontato di essere stato minacciato e privato del suo cellulare e che gli fu consentito di lasciare l’abitazione solo quando accusò un malore e assecondò la nuova richiesta di consegnare mille euro. Cosa che avrebbe fatto qualche giorno dopo. Ma madre e figlio non si sarebbero fermati qui.

Avrebbero preteso altri 1000 euro. Questa volta però sono stati loro a finire in trappola, perché al momento della consegna sono usciti allo scoperto i carabinieri della stazione di Specchia che hanno infilato le manette ai polsi ai presunti aguzzini che nelle prossime ore potranno difendersi davanti al gip, durante l’interrogatorio di convalida. Intanto, al vaglio dei militari ci sono i telefoni cellulari sequestrati ai due indagati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento