menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

S.M. Leuca Today

L'orsacchiotto "furfante" celava un segreto: un magnete per alterare il contatore

Nei guai non è ovviamente finito il peluche, ma la proprietaria di una macelleria, indagata dai carabinieri di Tricase. Un secondo episodio contestato all'amministratrice di una ditta d'impiantistica, ma il caso è da chiarire perché è in affitto. Tutti i casi riscontrati a Specchia

SPECCHIA – Morbido e simpatico orsacchiotto, chissà perché ti hanno adagiato lì, in quella scomoda posizione, in bilico sul contatore. Già, chissà. Forse perché nascondi un segreto?

Il peluche, in effetti, covava un segreto indicibile in grembo. E non si fa per dire. Apertolo, celava un magnete in grado di alterare i consumi dell’energia elettrica e far risparmiare bei soldi alla proprietaria di una macelleria. Non potendo certamente ammanettare l’incolpevole pupazzo, nato per le coccole e trasformato suo malgrado in un piccolo furfante, i carabinieri si sono dovuti rivalere sulla titolare. Che è finita in grossi guai. E che non è stata nemmeno l’unica.

Come lei, anche la proprietaria di una ditta d’impiantistica sta correndo più di qualche rischio. La sua posizione è però ancora da valutare meglio, in attesa di scoprire chi, effettivamente, abbia installato un magnete nei pressi del suo, di contatore. Perché in questo caso, l'attività è in locazione. 

Teatro delle alterazioni a danno dell’ente erogatore di energia, il piccolo comune di Specchia, nell’entroterra del Capo di Leuca. Fin dalle prime ore del giorno i carabinieri del nucleo operativo della compagnia dei carabinieri di Tricase, insieme a un manipolo di tecnici dell’Enel, hanno messo in atto un controllo straordinario del territorio. Aspettando, quindi, che gli esercizi commerciali aprissero i battenti per una nuova giornata di lavoro

Un’operazione studiata, evidentemente, dato che da qualche tempo doveva covare più di qualche sospetto su diversi esercenti, ma anche condomini. La luce costa, si sa, la crisi avanza, e si sa anche questo, ma ciò non toglie che la furbizia sia da condannare, visto che comporta un danno anche a quanti negozianti e cittadini, in tutta onestà, pagano le loro bollette limitandosi eventualmente a bestemmiare, ma senza scadere nel furto.

I militari hanno sondato a tappeto numerose attività e abitazioni in più comuni del loro comprensorio. E le due sorprese sono arrivate forse dal luogo meno atteso, il tranquillo borgo di Specchia. E’ qui, come detto, che in due casi si è appurato come fosse stata manipolata la registrazione dei consumi.

La titolare della macelleria dove è stato trovato accovacciato il peluche è stata posta in arresto, ma contestualmente rimessa in libertà su disposizione dell’autorità giudiziaria. Mentre per l’amministratrice unica di una ditta d’impiantistica, che ha però in affitto il suo negozio, è scattato il solo deferimento alla Procura, a piede libero. Bisogna capire, infatti, se il magnete, in questo caso, sia stato posizionato da lei o da altri. Una cosa è certa: almeno in questo caso, nessuna complicità di poveri orsacchiotti. 

Potrebbe interessarti

Commenti (19)

  • Quel pelush e quella calamita...spero che gli costerà cara.....

  • Ma voi credete che i Carabinieri siano piombati in quell'esercizio per caso? I nuovi contatori in telelettura permettono di monitorare, giorno per giorno, i consumi di un'utenza e di evidenziare qualsiasi anomalia. Una macelleria che ha dei consumi costanti, con delle celle frigo di una certa potenza, non può stare al di sotto di alcuni consumi standard. Se ciò accade il sistema evidenzia l'anomalia e scattano i controlli. A mio avviso l'articolo è chiaro ed esauriente e se questi magneti sono stati sequestrati vuol dire che rallentavano veramente il sistema ad induzione del contatore. In ogni caso basterà testare un qualsiasi contatore con un carico resistivo costante, con i magneti o senza, e si dimostrerà se i magneti in questione alterano le letture.

  • Caro Emilio Faivre eri, sei e sarai sempre un simpatico, serio e correttissimo giornalista che sa scrivere articoli che risultano gradevoli e simpatici ma senza togliere nulla alla narrazione oggettiva dei fatti. Pian piano, se non lo hai giá fatto con il misteriosissimo inaiccap (che immagino essere compagno di merende di innav) scprirai anche la mia di identitá... P.S. Sono felice di leggere dei Carabinieri di Tricase in azione! R: Buondì. Grazie. Solo per spiegare una cosa, e poi non intervengo più. Si possono contestare la scrittura, la grammatica, le parole, le facezie, le arguzie, i titoli, i sommari, gli scivoloni lessicali e tutto quello che vi pare, tranne che una cosa: la veridicità delle notizie. Ecco perché mi sono alterato. Onestamente, non m'interessa sapere chi vi sia dietro ai vari nickname, quindi per me questo signore qui sotto può continuare a restare sotto copertura: ma chi se ne frega di chi sia, dico. Solo, non mi piace che se ne faccia un uso distorto, del nickname, per arrivare addirittura a sostenere che scriviamo "minchiate". La notizia trae spunto da un comunicato stampa ufficiale dei carabinieri. Nessuno di questa redazione ha mai inventato storie di sana pianta. Tutto è sempre verificato con fonti autorevoli. Su questo non transigo. Se non credete alle cose che scriviamo, siete liberi di andare a leggere altro. Nessuno trattiene nessuno. Ma non venite qui a dirci che scriviamo cose false, perché poi finisce che perdo la pazienza. Emilio Faivre

    • Mai sostenuto che scrivete cose false, anzi! So perfettamente che utilizzate solo comunicati ufficiali dalla provenienza accertata. Mi limito a ribadire che saper diffondere una notizia ufficiale in modo gradevole ed a volte ironico é un pregio che caratterizza pochi, pochissimi, giornalisti fra I quali sicuramente c'é Emilio Faivre. Aggiungo che non intendo nascondermi dietro il nick né provocare, ovviamente, ma per ovvie ragioni di opportunitá non ritengo saggio dirti chi sono in un post pubblico. R: Ma non ce l'ho con te! Ce l'ho con il tizio del pianto di sotto...  P.S: ho capito chi sei... ciao!!!! Emilio Faivre

  • ma che minchiata di articolo lo sanno anche i bambini che non funziona piu ultimamenta lecceprima sta diventando come mistero scrive solo minchiate R: Mi rendo conto per una mente eccelsa come la sua, quest'articolo sia strutturato in maniera eccessivamente semplicistica. Lo si deduce anche dall'arguto nickname. Suscita interesse l'acronimo Inaiccap. Denso di significati nascosti.Talmente nascosti, che nessuno ha ancora capito che minchia significa. Ma io lo so. Lo so. lei desidera che vengano enucleate strutture linguistiche più sofisticate. Mi adopererò affinché possa trarre maggiore soddisfazione, in futuro, prendendo spunto dai grandi classici, che indubbiamente conosce a memoria e che la sospingono a tali considerazioni. Rammaricandomi per non aver soddisfatto la sua sete culturale, le annuncio che l'orsetto s'è costituito parte civile nell'instaurando processo e che il magnete, ammettendo le sue responsabilità, è al momento recluso nel carcere di massima sicurezza di Borgo San Calamita. Augurandomi che tali novità possano in qualche modo lenire il suo livore, le porgo i miei più distinti saluti. Emilio Faivre

    • Emilio Faivre....significa pacciani all'incontrario....e ho detto tutto

  • quale crisi e ca su malati de capu. complimenti ai carabinieri

  • Marco, scusa la mia ignoranza, ma cosa sono questi magneti della morte?

    • Ciao Rais, sono i magneti in questione ad essere chiamati così. Data la loro potenza, sono in grado di mandare in tilt qualsiasi apparecchio elettronico, anche i pacemakers... Possono essere molto pericolosi anche in presenza di viti o placche per fratture articolari, piercings e orecchini in ferro o acciaio. Oltre al pericolo di perdere un dito se lo metti tra due di questi magneti e tenti di accoppiarli...

  • Ma avete mai provato a chiedere spiegazioni sulle voci di una bolletta di un qualsiasi fornitore di energia ? Loro possono indicare quello che vogliono con poca chiarezza e nessun sistema di controllo! Vi pare normale? No Così come non è normale tentare di truffare il fornitore con alchimie di vario genere. Dovremmo però poter ragionare sullo stesso livello e non sempre con il coltello da parte dei fornitori di energia che alla faccia della liberalizzazione fanno cartello, stato compreso. E' normale avere un costo energia pari al 40/50% del valore dell,importo pagato? Il resto togli IVA addizionali comunali regionali, energia reattiva, dispersioni di rete, etc etc. Non si può !!!!! Voglio pagare un kWh + IVA e basta e senza inganni. Riflettiamoci.

    • E poi c'e' quella quota che Beppe Grillo disse che e' illegittima e che possiamo non pagare..c'e' ancora?

  • Strano. Sapevo che la storia dei magneti non funzionava con i nuovi contatori poiché le dimensioni della scatola sono tali da non far giungere il campo magnetico fino alla bobina interna! Sarà che sono un ignorante?

  • complimenti per la simpatica ironia di chi ha scritto l'articolo.

  • Con quello che ci fanno pagare il kw/h qualcuno s'industria a pagare di meno. Ma con le teleletture non si scappa, specialmente chi ha dei consumi costanti come una macelleria. Erano anni che casi del genere non si verificavano con questa frequenza. Anche questo è un segno della grave crisi che stiamo attraversando.

  • Perché non rendere illegale la vendita di questi cosiddetti magneti della morte? Si risolverebbe il problema alla radice o, quantomeno, diverrebbe più difficile procacciarseli .

    • magneti della morte? io non vedo alcun cadavere...

      • Possono essere molto più pericolosi di quanto credi...

Più letti della settimana

  • Incidenti stradali

    Si scontra con la moto sul furgone, muore sul colpo un 46enne

  • Cronaca

    Traffico di droga fra le province di Brindisi e Lecce, quarantotto indagati

  • Incidenti stradali

    Moto da cross sotto un camion, ragazzo in prognosi riservata

  • Cronaca

    Mezzo chilo di marijuana e cocaina: di nuovo nei guai tre anni dopo

Torna su