homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

S.M. Leuca Today

Trivelle nello Ionio, in piazza per dire no alla data del referendum

Tredici sindaci sono scesi in piazza a Leuca assieme al comitato No Triv e all'associazione "Italia Nostra"

Un momento della manifestazione.

SANTA MARIA DI LEUCA (Castrignano del Capo) – Hanno atteso la fine della celebrazione della messa pomeridiana, per esibire striscioni e slogan contro le trivellazioni nel mar Ionio. E questa volta si sono rivolti direttamente al presidente della repubblica italiana, Sergio Mattarella.

Un nuovo sit-in di protesta si è svolto, per circa un quarto d’ora, sul piazzale  antistante la basilica di Santa Maria di Leuca. Tredici sindaci del Capo sono scesi in piazza assieme al comitato No-Triv e all’associazione Italia Nostra.  Si sono presentati affianco allo stesso parroco, al deputato di centrodestra Rocco Palese, al coordinatore  della segreteria provinciale Pd, Gabriele Abaterusso, e il presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone.

Chiedono il “ripensamento” del governo nazionale circa le trivellazioni. Ma, ancora più urgente, vorrebbero che il referendum stabilito da Roma per la data del 17 aprile slittasse a giugno, in concomitanza delle elezioni amministrative. La scelta del governo, secondo i partecipanti al sit-in, non farebbe raggiungere il quorum durante la consultazione referendaria. Se le due date fossero accorpate, stando a quanto riferito dai manifestanti, farebbe risparmiare allo Stato cifre da capogiro. Ma non solo. In un giorno troppo ravvicinato come quello del 17 aprile, sostengono che non vi sarebbe il tempo necessario per un'adeguata campagna di informazione per i cittadini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (25)

  • E' meraviglioso come i ruffiani del liberismo sfrenato parlino di mercato con riferimento alle risorse naturali..... Se vuoi fare l'imprenditore, fallo con le tue risorse non con quelle di tutti!

    • Il muro di Berlino è crollato da un po' di anni ormai...

      • E questo da diritto alle multinazionali di mangiarsi il pianeta? Oggi chunque abbia un minimo a cuore l'umanità invece del profitto di pochi è definito "comunista", persino il Papa. Nel frattempo la classe media è sparita, un terzo del mondo è affamata e metà della ricchezza mondiale è in mano a 62 supericchi. Mi spiace per quelli come te, Marco, che di questa ricchezza non annusano neanche le briciole nonostante tutto questo grande fervore....

  • E' pacifico che a nessuno piacciono le trivelle nel proprio mare, ma è altrettanto pacifico che piace a tutti avere il pieno all'auto... Quando si va a fare rifornimento, bisognerebbe riflettere sul fatto che quel carburante è frutto di trivellazioni in qualche angolo del mondo. Insomma, vogliamo il serbatoio pieno e la moglie ubriaca...

    • Stai dicendo che se vuoi mangiare del Parmigiano Reggiano devi avere il caseficio reggiano in Puglia? O che sei vuoi mangiare merluzzo bisogna avere i merluzzi nel nostro mare?

      • Sto dicendo che il tuo giardino non è migliore di quello dei tuoi vicini, nonostante tu lo creda. Se gli affetti da sindrome NYMBY avessero diritto di veto su ogni infrastruttura nel mondo, saremmo ancora in giro con le carrozze trainate da cavalli, le uniche strade esistenti sarebbero i tratturi, per riscaldarci e cucinare useremmo il fuoco e per fare luce le candele o le lanterne ad olio (non a petrolio, ovviamente). Non potresti nemmeno avere il tuo bel smartphone e la tua bella connessione per commentare su LeccePrima. Io vi manderei su un'isola deserta per un mese, giusto per darvi un assaggio di come sarebbe il mondo se fosse governato dai NYMBY...

        • Banalità e luoghi comuni un tanto al chilo! Ma quindi secondo te ogni regione deve essere autarchica? Vuoi tornare al fascismo e alle corporazioni? Persino sul libro di geografia di mio figlio le relazioni economiche sono spiegate in maniera meno banale di quello che fai tu! Studiati le filiere produttive di oggi e ti si aprirà un mondo... Io sono dell'opinione che la nostra Regione sta già contribuendo in maniera sproporzionata all'economia nazionale con l'acciaio di base dell'Ilva e l'energia elettrica di Cerano. Il mio giardino è già stato violentato, se non ti spiace...

    • Bravo Marco, hai espresso il tuo parere con intelligenza e senza offendere nessuno.

  • È una bella marcia, con in testa i sindaci di tutti i comuni salentini, per chiedere maggiore sicurezza per noi cittadini, vittime di una criminalità senza freno, quella proprio no, vero? Ma al diavolo le trivelle, e se trovassero tanto petrolio da dare benessere a tanti che hanno perso il posto di lavoro, allora auguriamoci che lo trovino. Sono stato a Dubai e ho fatto il bagno in un mare cristallino, senza la minima traccia di catrame, con i pozzi di estrazione del greggio a due passi. Noi invece non abbiamo i pozzi di estrazione ma le nostre spiagge ne sono piene. Quindi finiamola con queste sterili manifestazioni e cerchiamo di affrontare i veri problemi che stanno incancrenendo la nostra terra.

    • bravo!!!!!!!! che genio!!!!!! Sei GRANDE. Hai capito tutto!!!!!!!!! Il petrolio ci manca e siamo a posto. Anzi spostiamo l'ILVA sulle nostre marine. Tanto lavoro e tanti tumori. Ti ripeto sei un grande genio

    • Allora non sbaglio quando dico che sei un commentatore da strapazzo...Prima di digitare sulla tua bella tastierina, cerca di connettere il cervello. Una volta connesso cerca di documentarti invece di scrivere IDIOZIE. E secondo il tuo illustre parere con i pozzi di estrazione si arricchirebbe il territorio? Questa è l' ultima bufala (in ordine di tempo) che leggo dai tuoi commenti. Sulle nostre spiagge del catrame? Anche i bambini sanno che quel catrame arriva da noi perché i signori delle petroliere che attraversano l' adriatico usano lavare le cisterne prima di un nuovo approvvigionamento. Mi permetto di darti un consiglio: se ti piace Dubai, allora rimanici A VITA.

      • Sei un emerito maleducato che non ha il buon senso e la capacità di far valere le proprie idee con il ragionamento è senza offendere il prossimo. Le mie idee sui pozzi petroliferi saranno sballate? Nessuno ti autorizza peró a darmi dell'idiota, specialmente se per offendere usi un'anonima e vile tastiera.

    • In Basilicata le trivelle ci sono già e non mi pare che il benessere medio della popolazione sia minimamente aumentato....

    • Sarebbe meglio che le persone come lei se ne andassero a Dubai, ne guadagneremmo tutti!

      • A Dubai ci sono stato solo per tre giorni e nemmeno per vacanza. Piuttosto lei è un campione di democrazia, perché per sconfessare le idee che non condivide è pronto a "spedire in esilio" chi la pensa in maniera diversa.

        • Si sbaglia, il mio non è un imperativo ma un semplice consiglio per lei e per le persone come lei, sono sicuro che ne guadagnerebbe tutta la collettività.

  • Via dai nostri mari, le trivelle nei mari degli altri!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Notte di fuoco: brucia un’auto, del bus della scuola non rimane più nulla

  • Incidenti stradali

    Terribile scontro di ritorno dal mare, quad finisce su una 500: quattro i feriti

  • Cronaca

    "Disabili alla berlina", palco distante. Protesta nei luoghi degli eventi

  • Politica

    Referendum costituzionale di Renzi, comitato per il "no" anche nel Pd

I più letti della settimana

  • La salsa resta accesa sul fuoco, divampa un incendio dentro una villetta

  • Trovato senza vita sul pavimento della casa materna: si indaga sulla morte di un 38enne

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento